L’atleta russo ha marchiato un “traditore” sui piani per competere sotto bandiera neutrale a Rio

 

L’atleta russa Darya Klishina è stata ampiamente criticata dopo aver accettato di competere sotto una bandiera neutrale alle Olimpiadi del prossimo mese, una mossa che potrebbe renderla vietata a uno degli atleti di atletica leggera della Russia a causa di uno scandalo nazionale del doping.

I social media hanno denunciato il lungo saltatore come un “traditore” dopo aver ringraziato i suoi sponsor e allenatori per il loro sostegno ed espresso gratitudine all’Associazione Internazionale di Federazione di Atletica (IAAF) per averle permesso di competere. </p >

La IAAF avrebbe respinto le offerte di 67 atleti russi che hanno chiesto la dispensa individuale per eludere il divieto generale imposto alla squadra di atletica russa per il massiccio doping sponsorizzato dallo stato, ma ha scoperto che Klishina, con sede negli Stati Uniti, poteva dimostrare di essere pulita .

Klishina ha ancora bisogno dell’approvazione del Comitato olimpico internazionale, così come Yulia Stepanova, corridore di 800 metri, le cui accuse sull’inganno nell’atletica russa sono state inizialmente ignorate, ma successivamente sono diventate uno dei più grandi scandali per colpire il russo sport.

Il 10 luglio, Klishina ha scritto su Facebook di essere “davvero felice” per poter competere.Il post è stato accolto con messaggi di supporto e una raffica di accuse di tradimento.

Il giornale Argumenty I Fakty ha aggregato alcuni esempi della reazione pungente dei social network in un pezzo intitolato One Against All. Come l’atleta Darya Klishina è diventata un ‘nemico del popolo’.

“Non una parola sugli altri atleti russi, anche se sei l’unico che ha ottenuto il via libera per Rio dalla IAAF.Dov’è la solidarietà? “, Il giornale citava un uomo di nome Aleksandr Agafanov.

L’11 luglio il popolare giornalista del Cremlino Dmitry Smirnov ha paragonato l’azione di Klishina a quella dei sovietici che hanno collaborato con i nazisti dopo essere stati tentati da promesse di gratificazione immediata: “Cibo caldo, riposo e cure mediche ti attendono in prigionia tedesca!”, ha scritto su Twitter.

Vladimir Markin, portavoce del Comitato Investigativo Federale della Russia, ha scritto sarcasticamente sulla speranza olimpica coppia, che lega i loro nomi a Grigory Rodchenkov, l’ex capo del laboratorio antidoping russo che fuggì negli Stati Uniti, dove presumeva i dettagli di una copertura dello stato russo per sopprimere il doping sistematico e l’inganno.

“Una squadra ‘degna’ è riunita…Stepanova, Klishina…E Grigory Rodchenkov sarà nominato consulente tecnico “, ha scritto Markin su Twitter. Ulteriori divieti?

Rispondendo al contraccolpo, Klishina ha difeso la sua decisione di competere come atleta neutrale, ma ha detto di essere stata profondamente colpita dalle critiche.

“Per essere onesti, le cose erano molto più pacifiche prima della situazione odierna. Sarei felice se tutti noi fossimo stati autorizzati a competere “, ha detto.

“Ma ora sono sotto pressione e intensificata attenzione, che non è sempre affermativa e positiva. Quindi, attualmente, la situazione per me è molto peggiore di ieri. ”

Il legislatore russo Svetlana Zhurova ha cercato di contenere i critici. “Non c’è motivo di balzare sulla sportiva.Stiamo facendo pressione sulla ragazza, e quando vincerà una medaglia saremo dispiaciuti “, ha detto a LifeNews Zhurova. “Non è un dato di fatto che Klishina sia l’unica che andrà alle Olimpiadi”.

Le autorità anti-doping hanno emesso diversi round di risultati schiaccianti che suggeriscono che i funzionari e gli atleti russi hanno fatto di tutto per evitare cooperazione con squadre internazionali di controllo antidoping.

Le sonde minacciano anche di tenere sollevatori di pesi, ciclisti e altri atleti russi fuori dalla competizione internazionale.

La Corte internazionale di arbitrato per lo sport è destinata a pronunciarsi sul divieto dei russi di competere a Rio dopo una decisione accelerata del 21 luglio.

L’agenzia mondiale antidoping (Wada) È anche dovuto emettere nuove conclusioni sul doping nell’atletica russa nella prossima settimana.Questi risultati potrebbero includere i risultati di nuovi test su campioni delle precedenti Olimpiadi, tra cui le Olimpiadi invernali di Sochi nel 2014.

About the Author