Bren è meritatamente considerato una vera leggenda in Belgio

Eric Gerets (nella foto – al centro), soprannominato Leo, era il rappresentante più importante del Belgio “dorato” degli anni ’80.

Gerets fu un personaggio chiave a Euro 1980, e poi alla Coppa del Mondo sei anni dopo. Nonostante il relativo successo per la squadra nazionale, non può essere paragonato alla carriera di un club: dopo aver trascorso 12 anni come parte dello Standard, Gerets si è trasferito a Milano, quindi a MVV.
Ha ottenuto un maggiore successo nei Paesi Bassi, dove ha vinto sei titoli di campionato come parte del PSV ed è diventato un trionfo della Champion League.

8. Raymond Bren (1925-39; 54 partite, 26 gol)

Bren è meritatamente considerato una vera leggenda in Belgio: è stato uno dei più grandi scioperanti del mondo. In particolare, le sue incredibili statistiche per Beershot non possono che impressionare: 141 gol per 142 partite.

Bren è diventato il primo calciatore professionista in Belgio, trasferendosi al cecoslovacco Sparta, con il quale è diventato il campione del paese e ha ottenuto un risultato ancora più impressionante, segnando 120 gol in 106 partite.

Per quanto riguarda la squadra nazionale, è il suo quinto miglior marcatore. È interessante notare che un tempo gli era stato offerto di prendere la cittadinanza cecoslovacca, il che avrebbe portato molti soldi, ma Bren ha rifiutato. Bren è anche al 64 ° posto nella lista dei migliori giocatori del 20 ° secolo, secondo la Federazione internazionale di storia e statistiche del calcio (IFFHS).

7. Michel Prudumm (1979-94; 58 partite)

Il meglio del meglio: i 14 migliori giocatori della squadra nazionale belga

Il portiere non appare sempre nella lista dei migliori, specialmente a un livello così alto. Un tempo, Prudum non era solo un portiere eccezionale, era, secondo molti, il migliore al mondo.

Prudomm è diventato famoso senza nemmeno parlare delle grandizze mondiali – ha trascorso gran parte della sua carriera nello standard belga e in Malines, giocando solo cinque anni per il portoghese Benfica.

Nel 1994, Prudum ha vinto il premio Lev Yashin e il portiere dell’anno secondo UEFA e IFFHS.

About the Author