Sotto la guida di questo gruppo

Prima dell’inizio della nazionale belga nel turno di qualificazione per i Mondiali 2018, FootballHD.ru ha rovistato nella storia dei “Red Devils”.

La squadra nazionale belga, che ha uno dei migliori rimbalzi di giocatori nel Vecchio Mondo, si è esibita al di sotto di Euro 2016 in un punto basso ed è volata fuori dal torneo nella fase finale 1/4 dopo aver perso in Galles. In seguito ai risultati del forum continentale, Mark Wilmots è stato licenziato e Roberto Martinez, che ha scelto Thierry Henry come suo assistente, è diventato il nuovo allenatore della seconda squadra mondiale, secondo la classifica FIFA.

Il meglio del meglio: i 14 migliori giocatori della squadra nazionale belga Foto: UEFA.com, FIFA.com

Sotto la guida di questo gruppo, il Belgio non ha finora perso alcuna possibilità con la Spagna (0: 2) in preparazione al turno di qualificazione della Coppa del Mondo 2018. Per iniziare con una società qualificata a Cipro, la squadra belga deve avere abbastanza classe. Sì, e per qualificarsi per il mondo, è improbabile che Hazard and Co. inciampino in Bosnia ed Erzegovina, Grecia, Estonia e Gabraltara, che finirono anche nel gruppo H. True, l’obiettivo principale di Martinez ed Henry è quello di creare una squadra che possa dare il risultato è nella parte finale della Coppa del Mondo, perché l’attuale generazione d’oro dei belgi ha quasi eclissato i “diavoli” degli anni ’80 ed è pronto a dare battaglia a chiunque – devi solo bilanciare il loro gioco.

14. Francois van der Elst (1973-1983; 44 partite, 14 gol)

Van der Elst, noto per le sue esibizioni per Anderlecht, è un raro esempio di belga che non aveva paura del viaggio: riuscì a suonare sia in casa che in Inghilterra e negli Stati Uniti.

Ha ottenuto il massimo successo con Anderlecht, con il quale ha vinto la Coppa delle Coppe, la Supercoppa UEFA e due titoli di campionato.

A livello di squadra nazionale, il risultato principale di Elst è stato l’argento di Euro 1980.

13. Laurent Verbist (1960-65; 23 giochi)

La tragica storia di Verbist ripete gli altri: un talento enorme, un futuro luminoso e un momento che ha cancellato non solo la vita di un grande atleta, ma anche tutti i suoi successi.

Lorenzo il Magnifico, come fu chiamato ad Anderlecht, era noto per la sua straordinaria capacità di giocare nella selezione e nel lanciare attacchi – questo può essere confermato dallo stesso Pelé, che il belga abilmente neutralizzato in una partita amichevole. Tra le altre grandi “vittime” c’era Ferenc Puskas.

About the Author